WEB MAGAZINE

LifeStyle

CuriositàLifeStyle

Anatomia di una canzone: A Horse With No Name

0 di SebastianHidalgo
canzone

A Horse With No Name” è una canzone della band rock/folk statunitense America scritta da Dewey Bunnell, cantautore della band.

La canzone, pubblicata tra il 1971 ed il 1972, fu una hit che conquistò la Billboard Hot 100 del ’72.

I’ve been through the desert on a horse with no name

Il pezzo è un brano molto simbolico – per non dire criptico – e sereno in cui la voce narrante racconta il suo viaggio attraverso il deserto in sella ad un cavallo senza nome, e la natura misteriosa del testo contribuì ad alimentare una forte controversia che portò diverse radio a rifiutarsi di mandare in onda la canzone: “Horse” infatti è un termine che, nello slang, veniva usato per indicare non solo i cavalli ma anche l’eroina.

La verità

Anni dopo è lo stesso autore Dewey Bunnell a confermare durante un’intervista che la canzone non parla di droghe, e che il testo fa semplicemente riferimento ad un viaggio di profonda riflessione in un posto pacifico, e che il cavallo senza nome non era altro che il mezzo per arrivare in quel posto di pace – i riferimenti della canzone al paesaggio che cambia ed a fiumi ormai asciutti sono, inoltre, riferimenti al clima ed alla necessità di salvare il pianeta.

Oltre ad avere una passione sin da piccolo per i deserti, l’autore Dewey Bunnel e gli altri membri della band andarono a fare un photoshoot nel deserto con un cavallo, ed in quell’occasione la canzone diventò realtà, perché Bunnell salì in sella ad un cavallo e lo cavalcò nel deserto, ma non ne seppe mai il nome e non gliene diede uno.

Il ruolo del cavallo

È sempre interessante notare come, nell’arte, nella letteratura e nella musica, il cavallo abbia decine di valenze diverse: nel caso della canzone in questione, il cavallo fa quasi da “animale magico” che riesce a portare il narratore dalla vita piena di dispiaceri e problemi ad un luogo talmente sereno da permettere al narratore di fondersi con la natura e dimenticarsi di tutto, persino del proprio nome, diventando forse un tutt’uno anche col cavallo.

Conoscevate questa canzone? Fateci sapere!


 

Foto: wikipedia, pexels