WEB MAGAZINE

Sport

News

Campitello di Fassa: una seconda chance per cavalli vittime di abusi

0 di MaddaVi

Campitello di Fassa: una seconda chance per cavalli vittime di abusi.

In Val di Fassa, nel cuore delle Dolomiti, possiamo trovare un maneggio molto speciale: una scuderia nata come una seconda chance di vita per cavalli maltrattati, abbandonati o destinati ad una fine crudele.

Charlotte Horse Riding Asd nasce dalla voglia di salvare e recuperare cavalli con problemi o vittime di violenza per poter dare loro una vita piena d’amore, con le giuste attenzioni e cure.”

“Il principale obiettivo di Charlotte Horse Riding è quello di incoraggiare quante più persone possibile ad amare i cavalli e ad iniziare a cavalcare, facendolo nel migliore dei modi, ovvero facendo conoscere sotto ogni aspetto i nostri amici a quattro zampe.” è possibile leggere sul sito web e sul profilo Facebook ufficiale.

Prima di iniziare a montare sia in passeggiata che in campo aiutiamo ad avvicinarsi al cavallo insegnando come poterlo controllare e condurre in totale sicurezza. Il maneggio è situato nella splendida Val di Fassa, nel cuore delle meravigliose Dolomiti, patrimonio UNESCO. I cavalli possono vivere una vita perfetta, felici di correre e con le costanti cure e attenzioni di un selezionato Team ogni giorno e ogni momento“.

I cavalli, in questo piccolo angolo di Paradiso, hanno l’occasione di ricominciare una vita serena, circondati da affetto e cure amorevoli.

Il metodo utilizzato per rieducare questi animali è il “metodo gentile” della scuola Monty Roberts ovvero il metodo basato sull’approccio delicato e comprensivo del cavallo, volto a rassicurare l’animale vittima di violenze per insegnargli con la gentilezza ad essere un compagno tranquillo e affidabile lasciandogli il tempo necessario per superare i propri traumi.

Informazioni:

  • ASD Charlotte Horse Riding
  • e-mail: chorseriding@gmail.com
  • tel.: +39 3338056581
  • APERTO TUTTO L’ANNO Campitello di Fassa zona Ischia – Funivia Col Rodella

FACEBOOKWEBSITE

 

 

 

 

 

foto/fonte: facebook

Articoli Correlati