WEB MAGAZINE

Sport

News

Tribunale della FEI: ancora provvedimenti riguardo alla presenza di sostanze proibite

0 di MaddaVi

Il Tribunale della FEI ha emesso le sue decisioni definitive riguardo due casi di sostanze vietate ai sensi del Regolamento Equine Anti Doping and Controlled Medication (EADCMR).

I due casi in questione riguardano la presenza di Democolcina, una sostanza che può essere il risultato di una contaminazione dovuta all’ingestione del Colchico autunnale, meglio noto come Falso Zaffferano.

I cavalli risultati positivi erano: Inception 2 del tedesco Felix Etzel (CCI1* di Wiener Neustadt) e Finest Quality V & K di Emile Karim Fares (CSI3 * di Eindhoven).

I campioni di sangue sono stati prelevati da entrambi i cavalli durante il mese di maggio 2017.

I due cavalieri sono stati in grado di dimostrare al Tribunale della FEI che la sostanza aveva contaminato i loro cavalli attraverso l’ingerimento del fieno in cui era presente del Colchico autunnale.

Gli atleti hanno anche dichiarato di non avere alcuna colpa o negligenza per la violazione delle regole e, di conseguenza, il Tribunale ha stabilito che non dovrebbero essere imposte loro ulteriori sanzioni, oltre alla squalifica automatica di due mesi del cavallo e dell’atleta dalle competizioni.

Etzel e Fares hanno 21 giorni di tempo per impugnare queste decisioni facendo ricorso alla Court of Arbitration for Sport (CAS) dalla data di notifica.

Ricordiamo che la FEI ha stilato una nuova lista di sostanze proibite (somministrate ai cavalli) sulla base di quella entrata in vigore con il 1º gennaio 2015. tale lista è entrata in vigore il 1º gennaio 2017 scorso.
Il documento è stato messo a disposizione dalla FEI per riscontrare l’appartenenza dei principi alla lista delle sostanze bandite o delle medicazioni controllate.
La Federazione rammenta che tale distinzione, tra le sostanze bandite e le medicazioni controllate, comporta una differente entità di sanzioni.

Full List

FEI Programme

Informazioni sulle sostanze proibite si possono trovare qui

Foto/Fonte: FEI