WEB MAGAZINE

Sport

News

Una passeggiata da incubo: famiglia traumatizzata dopo l’attacco di un cane fuori controllo

0 di MaddaVi

Doveva essere una semplice tranquilla passeggiata in famiglia nel Devon, ma poi si è trasformato tutto in un incubo.

Sono passati mesi, ma le ferite riportate in quella triste giornata sono ancora aperte per i membri della famiglia coinvolta.

Mentre una coppia e le loro due figlie passeggiavano a cavallo, un cane ha attaccato prima il pony di una delle bambine e poi il cavallo di Sarah Casavieille-Iacaze, la madre.

Le conseguenze di quell’incidenze sono ancora ben visibili: il castrone di nove anni di Sarah è stato abbattuto poco prima di Natale, sei mesi dopo quella tremenda giornata, mentre le figlie sono attualmente spaventate dai cani e lei non riesce più a dormire sonni tranquilli.

Al sito web H&H, Sarah ha raccontato che “Le ragazze sono assolutamente terrorizzate dai cani, io sto avendo dei flashback continui e ho dovuto seguire un lungo trattamento per risolvere il colpo di frusta ed lividi interni riportati. Il mio cavallo è mancato da sei settimane e sto ancora piangendo. E’ una perdita enorme per tutti noi, era un cavallo così speciale…

Ma cos’è successo durante quella che doveva essere una tranquilla passeggiata in campagna?
Sarah ha dichiarato che era a cavallo, mentre la figlia di sei anni le stava accanto con il suo pony. Suo marito, invece, era in sella alla sua bicicletta con la loro figlia di quattro anni.

Abbiamo incontrato questa donna con un cane piuttosto vivace e non al guinzaglio. La donna ci ha detto che non gli piacevano i cavalli, quindi le abbiamo comunicato che avremmo preso la strada a sinistra, così da non crearle problemi.
Più avanti, si arriva a un bivio: io e mia figlia abbiamo preso una strada, mentre mio marito ha preso l’altra, con l’intenzione di filmare la nostra bambina che galoppava con il pony. Ad un certo punto ho sentito mia figlia di quattro anni gridare spaventata. Ricordo di aver udito mio marito urlare “Il cane è libero, e sta venendo a prenderti”.
Il cane che avevamo incrociato poco prima è arrivato di corsa puntando il pony di mia figlia. Io non potevo raggiungerla, così le ho detto di cercare di aggrapparsi alla sella più che poteva. Ad un certo punto è caduta, mentre Bluey continuava a scappare. Per fortuna è un pony abituato ai segugi! Poi, però, il cane è tornato.” continua Sarah. “Ho urlato a mia figlia di nascondersi dietro un albero, fuori dalla traiettoria del cane, che era determinato ad attaccare il mio cavallo che era terrorizzato. 
Il cane continuava a mordere il mio cavallo e ad un certo punto ha iniziato ad attaccare anche me. Mi ha afferrato una gamba e ha iniziato a strattonarmi la caviglia mentre ero ancora a cavallo. Mia figlia era in una crisi isterica da tanto era sconvolta. Il suo pony ed il mio cavallo erano coperti di sangue ed io non potevo fare nulla. Ho urlato a mio marito di chiedere aiuto a qualcuno, così l’altra bambina è rimasta al sicuro con lui.
Alla fine, il cane mi ha trascinata fuori dalla sella ed io ero sotto di Jack, il mio castrone, con il cane ancora attaccato. il mio cavallo è rimasto al mio fianco e non mi ha calpestata.
Quando è ritornato mio marito, è riuscito a staccarmi di dosso il cane e a riportarlo alla proprietaria. Noi abbiamo riportato i cavalli a casa, dove sono stati accuditi dai veterinari mentre noi parlavamo con la polizia.

Dopo una serie di trattamenti ed una lunga riabilitazione di qualche settimana, sembrava che Jack stesse iniziando a riprendersi. Tuttavia era distratto e stanco. Con un’ulteriore visita gli è stata diagnosticata un’ulcera gastrica, probabilmente causata dallo stress riportato dopo l’attacco.

Non è mai guarito. Tremava, era stanco e debole… dopo varie visite e trattamenti, i veterinari hanno scoperto che aveva una grave lesione sul collo che aveva danneggiato anche la colonna vertebrale ed il midollo spinale. Hanno dovuto addormentarlo. Non avrei potuto nemmeno tenerlo come compagnia… prima dell’incidente era rimasto con me solo tre mesi. Lo avevo fatto controllare ed era in perfetta forma anche durante le uscite. Tutti gli specialisti hanno detto che Jack stava soffrendo di Disturbo di stress post-traumatico ad esordio ritardato“.

Dopo un lungo processo, alla proprietaria del cane è stata data una multa da pagare, in quanto era responsabile di un cane pericoloso e fuori controllo. Inoltre, ha dovuto pagare £400 a Sarah.

L’intera faccenda era orrenda”, ha replicato Sarah. “E queste 400 sterline non coprono nemmeno il costo delle cure e della scelta presa riguardo al mio cavallo. E’ stato davvero, davvero triste. Abbiamo perso un cavallo meraviglioso, abbiamo avuto un’enorme perdita finanziaria e abbiamo dovuto attraversare un trauma per mesi. Le persone devono essere consapevoli di ciò che può accadere, di che cosa possono fare i cani se non sono sotto il controllo dei loro proprietari e le conseguenze, perché è stato davvero orrendo. 
In queste situazioni, quando si è in pubblico, i proprietari devono tenere i loro cani sotto controllo. Voglio che la mia famiglia, i miei amici e tutta la gente del luogo possano godere dell’area in cui viviamo, liberi dalla paura che ciò accada di nuovo e andare avanti con le nostre vite. Non potrei sopportare se un’altra persona, animale o, in particolare, un bambino si facesse male per questo motivo. “

 

 

 

 

 

Foto/Fonte: H&H